Magliabechiana VII, 1121

An account of the festa held in honor of Pope Pius II in Florence, 1459, "da un cliente Mediceo, che chiede aiuto a Piero di Cosimo e, intanto, gli dedica il poemetto." (Pietro Gori, Firenze Magnifica, Firenze, R. Bemporad & Figlio Editori, copyright 1930). The portion of the account dealing with dancing, ff. 66r-69r, has been transcribed, below.

Transcription by Joseph A. Casazza and Elizabeth A. Cain, © copyright 1995 and 1996. You may transfer electronically the file containing the text of this transcription for your own study. Further use or reproduction requires permission from the transcribers. E-mail: joseph_casazza_ab75@post.harvard.edu This transcription is a work in progress. There are several questionable readings which have not yet been resolved. There has been no modernization of spelling in the transcription, and no punctuation has been added. Abbreviations have been expanded. Foliation is indicated in square brackets. Questionable readings are indicated by a question mark.

This transcription was begun before the publication of A. William Smith's Fifteenth-century dance and music, Stuyvesant NY, Pendragon Press, 1995, which you can consult for a slightly different selection of material and transcription, and for a translation of most of the text transcribed below (vol. I, pp. xiv-xix).


[66r]
Quel giorno fu dacchauarsi la fama
di ueder belle donne & belle chose
& bene examinar tutte lor trame

In questa forma le donne uezzose
sistauan tutte dinanzi assedere
in bel meschuglio di fanciulle & spose

La mia gran singnioria uenne a uedere
in una chasa aparati balchoni
di parmi & di tappeti al mio parare

Ora perueniti alle chonclusioni
il gientil chonte allo stecchato giunse
cho suoi mangni singniori & gran chanpioni

Ciascun tronbetto la sua tromba sumse
& a gloria sonando uolentieri
infin chel chonte dentro si chongiunse

Et nellentrare i gientilz schudieri
giouani belli addorni & peregrini
si fero inchontro al martiste guerrieri

Chon dengnie reuerenzie & belli inchini
uersol palchetto bel lacchompangniaro
cho suoi seguaci mangni paladini

Et nellandare le donne si rizzaro
facciendo reuerenzia a sua persona
& quasi fino in terra sinchinaro

Il singnior mangnio dengnio di chorona
cholla berretta in mano la reuerenzia
rendea loro quanto potea buona

[66v]
Et giunto nella bella residenzia
subitamente assede fu posato
in locho chongni chosa glie inpresenzia

Non domandar se fu marauigliato
delle dame parate dengniamente
& quanto egli ebbe lor bilta laudato

I suoi singniori & tutta la sua giente
si furano asseder nel palcho assisi
ciaschun doue lo stato suo chonsente

Tenendo gli occhi fissi ne bei uisi
di quelle donne chon gran dilezzione
che angioli paren di paradisi

In questo tempo i pifferi el tronbone
chominciaro assonare un salterello
fondato darte dintera ragione

Allora ongni schudier gientile & snello
chi piglia maritata & chi pulzella
& addanzar chomincia or questo or quello

Chi passeggia dintorno & chi salteila
chi schanbia mano & chi lascia & chinuita
& chi in due parti on tre fa danza bella

Due giouinette cholla uoglia unita
di gientilezza & chon ridente fronte
& cholla guancia splendida & pulita

Andarono anuitare il gientil chonte
facciendogli uno inchino infino interra
chon reuerenzia ornatissime & pronte

Rizzossi ritto il chapitan di guerra
& rende loro linchino & poi entro
nel mezzo & danza & nel danzar non erra

Mentre chel chonte chon chostor danzo

[67r]
huomini & donne ongniun si rizza enchina
quantunque uolte inanzi allor passo

Ballato quella danza peregrina
le dame il rimenarono al suo locho
oprando infargli onore ongni dottana

Et doppo questo il chonte sette pocho
che si rizzo & due dame inuitaua
le qual fecian la guancia lor di focho

Pur dengniamente ongniuna lonoraua
messollo in mezzo & ballauan chonesso
& nel passare ciaschedun si rizzaua

Danzo anchor chon questo ordine appresso
messer tiberto & gli altri gran singniori
& ciaschun da due dame in mezzo e messo

Non domandar sauen giubilli i chori
& se le damigielle miran fiso
ueggiendosi dalloro far tanti onori

Pareua quel trepudio il paradiso
& gierarchie angieliche chi balla
& era pien ciaschun di gioia & riso

Ongni gienerazion festante ghalla
sotto il triumfo delle menbra snelle
di quella acchil pastore dono lapalla

Parea il tutto un ciel di cose belle
nel quale il chonte rappresenta un sole
& le donne e gharzon lucienti stelle

Quiui si ghode quanto ciaschun uole
sotto le chalde & gloriose insengnie
del gran chupido di la forme prole

Io credo chelle dame mangnie & dengnie
il di faciessero ardere mille fochi

[67v]
sanza fucile o pietra zolfo o lengnie

Vso uenere il di tutti i suoi giuochi
perche ghalantemente ongniun festeggia
senza sospetto alchun che nulla nuochi

Chi danza chi sellazza & chi motteggia
chie mirato & chi fisso altri guarda
& chi e uagheggiato & chi uagheggia

Quel a sidette il focho alla bonbarda
in forma tal che non uera alchun petto
nel quale il chor chongran fiamma non arda

Senparadiso sista chon diletto
& puossi inparadiso interra stare
il paradiso e questo chio to detto

Vn ora era durato gia ildanzare
nel quale amore strinse piu dun nodo
quando la chollazion sordino fare

Della qual tutto il bello ordine & modo
disposto sono d? volerti dire
cholproprio uero & metto questo in ?

Inprimamente siuedea uenire
perlo stecchato incirchulo sonando
molti tronbetti & doppo lor seguire

Quattro donzelli iquai uenien portando
ungran bacino dargiento in man peruno
& doppo loro uenieno seguitando

Dargiento pur uenti bacini chongniuno
pieno di bicchieri christallini ben lauati
& poi seguiuan trenta che ciaschuno

Avra dua uasi inman dargiento cinti
che daqqua chiara & pura eran pien dientro
chauno auno uenieno ordinati

[68r]
Seguiua poi chon bello ordinamento
damabil zuccheroso & buon trebbiano
cinquanta che portavan fiaschi ciento

Ciaschuno nauea un alto in ongni mano
& lordine seguia sanza interuallo
chon chontenenza & chon un passo piano

Vien poi quaranta giouani del ballo
chon chonfettiere dargiento dorate
resplendenti chome chiar christallo

Che cholla mano in alto lan portate
tutte aquaranta pien dimorselletti
di pinnocchiato biancho & dizucchate

Disopra bistie & leoni dichonfetti
ritratti chongrandarte alnaturale
per man di mastri pratichi & prefetti

Et chontal modo subblime & reale
intorno intorno allo stecchato andando
lun dietro allaltro chonordine equale

Poi dallun lato itronbetti sonando
& introlmezzo igran bacin posarsi
igiouani ibicchieri uenien pigliando

Chi mescie uino & chi aqqua fa darsi
& dan bere alle donne & chiunque uera
& del chonfetto ciaschuno puo pigliarsi

Parean proprio una solare spera
due damigielle che ritte leuate
destre nandaron douel gran chonte era

Et giunte allui sifurano inchinate
facciendogli una dengnia reverenza
chome gientili oneste & chostumate

Ferongli poi chongran mangnificienza

[68v]
delvino & del chonfetto alla palese
chol tocchare & ghustar fedel credenza

Allora il chonte cholle sue man prese
Chonfere & uino dalle inchanate vese
& ringraziolle dello atto chorrese

Li gientil dame angieliche uezzose
dallui partiron chon un bello inchino
e nel suo locho ciaschuna si pose

Faro ongniun chollazione assuo domino
fiaschi & chonfetto che uera auanzato
si giro intorno & missesi abbottino

Quei della chollazione fuor del merchato
largiento & ongni chosa riportaro
la doue acciaschedun fu ordinato

Et giouani tutti addorni ritornaro
chon nuoue ueste ricche & mangnie molto
en questo tempo i pifferi sonaro

Et cio sentendo ongni schudiere a tolto
chi una donna & chi fanciulla piglia
per chal ballare ciaschuno a lalmo uolto

Si mangniamente il bel danzar sappiglia
che ciaschun che lo uide o che lo sente
mirabilmente sene marauiglia

Ballo piu uolte il gran chonte exciellente
chon dame che pareano angiolette
che giuano anuitarlo & ci chonsente

Tal uolta inuito il chonte giouinette
lucienti chome stelle mattutine
& al ballare in mezzo allor si mette

Gli altri singniori & giente peregrine
inuitar dame & erano inuitati

[69r]
da quelle donne che paiano reine

I gharzoni mangni degni & tanto ornati
cheran destri & leggier chomuno ucciello
danzauan cholle dame acchompangniati

Et ballato gran pezza alsalterello
ballaron poi a danza uariata
chome desideraua questo & quello

Feron lachirintana molte ornata
& misso amendue gliarrosti in danza
chon laura chomummia & charbonara

Lionciel bel riguardo & lasperanza
langiola bella & la danza del re
& altre assai che nominar mauanza


Last Update: August 30, 2000

Comments to: Joseph Casazza, joseph_casazza_ab75@post.harvard.edu

Valid XHTML 1.0!

Valid CSS!

Bobby Approved (v 3.2)(d)